Home » Green Economy » Giornata internazionale della riparazione, in Italia che succede?

lavatrice

Giornata internazionale della riparazione, in Italia che succede?

Ottobre 14, 2022 |

Sabato 15 ottobre si celebra la Sesta Giornata Internazionale della Riparazione: una grande festa della riparazione con decine di eventi organizzati da riparatori professionisti, aziende e gruppi di riparazione comunitaria in tante città del mondo. 

Il tema di quest’anno sarà Riparare ovunque. 

Quante volte ci siamo sentiti dire: «Le conviene comprarlo nuovo…»? Ogni volta che proviamo a riparare un elettrodomestico o un apparecchio elettrico ed elettronico, sentiamo la stessa frase e troviamo problemi nel reperire pezzi di ricambio, costi alti dell’intervento, guasti non aggiustabili.

In Svezia, per incentivare il recupero, è stata introdotta una legge che dimezza l’Iva (dal 25 al 12 per cento) e consente di detrarre le riparazioni, anche le più piccole, dalla denuncia dei redditi. 

In Italia stanno prendendo piede diverse tipologie di locali dove poter riparare i vostri oggetti che si sono rotti: i Restarters, che abbiamo importato dalla Gran Bretagna, e i Repair Cafè, di origine olandese. 

I Restarters sono vere e proprie comunità che, grazie al web, organizzano i Restart Party dove qualsiasi oggetto elettrico o elettronico può essere portato per tornare a funzionare perfettamente. Sono come dei mercatini del fine settimana, con la differenza che qui si montano e smontano computer, televisori, lavatrici, smartphone, tutti oggetti potenzialmente sottratti alla catena dei rifiuti o allo spreco dell’oblio casalingo (abbiamo, in media, 8 piccoli elettrodomestici a famiglia, buttati in qualche cassetto). 

Info su https://www.restarters.it/

Il secondo canale è quello dei Repair Cafè, nato dalla vulcanica fantasia di una mamma olandese, Martine Postma, stufa di essere costretta a cambiare continuamente cellulare e phon. 

Oggi Repair Cafè Foundation è un network, con 1.500 punti per le riparazioni, in tutto il mondo, dei quali 12 in Italia, da Trento a Roma. Per aprire un Repair Cafè bisogna creare un’associazione, individuare un luogo di lavoro e mettere a disposizione del pubblico alcuni giorni e ore della settimana: il ricavato di ciascun intervento viene poi diviso tra il riparatore (80 per cento) e l’associazione (20 per cento). 

Info su https://it-it.facebook.com/repaircafeitalia/

In Italia i Repair Café, i Restarter e i gruppi di riparatori terranno nella Giornata Internazionale della Riparazione feste della riparazione in tante città per promuovere e condividere il significato della riparazione così che, la prossima volta che qualcosa si rompe, il riflesso non sia più quello di buttarlo via o di abbandonarlo in un ripostiglio, ma di provare ad aggiustarlo.

 Potete trovare l’evento a voi più vicino sul sito della Open Repair Alliance che mantiene la mappa aggiornata di tutti gli eventi previsti. https://openrepair.org/international-repair-day/2022-events/

Una settimana dopo, domenica 23 ottobre, si terrà a Milano il Primo Repair Day Contest dove, presso il GreenParlor, sei squadre di riparatori, più o meno esperti, si sfideranno a chi riuscirà a riparare più dispositivi in 150 minuti. 

Nel più puro spirito della riparazione comunitaria, le squadre lavoreranno in modo collaborativo, sbirciando quello che fanno i vicini, commentando, scambiandosi attrezzi, suggerimenti e pezzi di ricambio. 

Sanno premiate l’efficacia e l’efficenza nella riparazione, ma anche la creatività, con il premio Gambiarra, dal portoghese brasiliano “Soluzione improvvisata per risolvere un problema con quello che si ha sotto mano“. 

Riconoscimenti anche per l’eleganza, con il premio Kintsugi, dall’arte giapponese della saldatura dorata che consiste nell’aggiustare gli oggetti di ceramica rotti mettendo in evidenza il punto di rottura e la riparazione così che l’oggetto possa raccontare la sua storia. 

Ed infine sarà premiata anche la caparbietà, premiando la squadra che pur non riuscendo a portare a buon fine le sue riparazioni, non si è scoraggiata. 

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto