Home » Green Economy » Dove piantare tutti gli alberi per compensare il Co2?

Two hands of the men  were planting the seedlings into the ground to dry.

Dove piantare tutti gli alberi per compensare il Co2?

Novembre 28, 2022 |

Un recente studio australiano ha calcolato come se si decidesse di piantare davvero un numero di alberi sufficiente a coprire il fabbisogno per contrastare le emissioni di CO2 probabilmente non ci sarebbe abbastanza spazio sulla Terra.

Un nuovo studio è il primo a calcolare che i paesi avrebbero bisogno collettivamente di un totale di 1,2 miliardi di ettari di terra per mantenere le promesse stabilite nei loro piani climatici ufficiali, parte degli sforzi globali per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Lo studio, che ha coinvolto più di 20 ricercatori di tutto il mondo e pubblicato da Melbourne Climate Futures, determina che i paesi dovrebbero utilizzare 633 milioni di ettari della superficie totale per contrastare le emissioni di CO2 con attività come la piantagione di alberi, ma questa scelta divorerebbe la terra necessaria per produzione alimentare e conservazione della natura.

Solo 551 milioni di ettari contabilizzati negli impegni ripristinerebbero terre degradate e foreste primarie, che immagazzinano carbonio, regolano le precipitazioni e le temperature locali, riparano piante e animali, purificano l’acqua e l’aria e in alcuni casi appartengono a popolazioni indigene, i cui diritti sulla terra si trovano a essere fondamentali per ridurre il cambiamento climatico a causa della loro gestione delle foreste.

Il rapporto esamina i piani climatici ufficiali e le dichiarazioni pubbliche, compresi i contributi determinati a livello nazionale (NDC), che i paesi hanno presentato alle Nazioni Unite come parte dell’accordo di Parigi, per calcolare il totale superficie destinata alla rimozione del carbonio.

A differenza di altri rapporti sul “gap”, tra cui il rapporto Emissions Gap dell’UNEP recentemente pubblicato, che descrive un divario tra l’ambizione di mitigazione e le riduzioni delle emissioni necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici globali, questa analisi dimostra il divario tra la dipendenza dei governi dalla terra per scopi di mitigazione del carbonio e il ruolo che la terra può realisticamente svolgere a causa di esigenze concorrenti e alla luce dei diritti umani.

“I paesi trattano la terra come una risorsa illimitata nei loro piani climatici”, ha affermato la dott.ssa Dooley, autrice dello studio. “Utilizzare un’area di terra equivalente alla metà delle attuali terre coltivate globali per piantare alberi semplicemente non funzionerà, in particolare quando le prove di fronte a noi mostrano la fragilità della piantagione di alberi rispetto al peggioramento degli impatti climatici come incendi e siccità”.

I ricercatori sostengono che i piani climatici più problematici prevedono la trasformazione di terreni attualmente utilizzati per altri scopi, come la produzione alimentare, in aree coperte da alberi, come le piantagioni di monocoltura.

Il rapporto afferma che questi cambiamenti di terra invaderebbero la terra salvaguardata dalle popolazioni indigene o utilizzata dalle comunità locali e dai piccoli agricoltori per nutrirsi.

Allo stesso tempo, oltre 20 paesi si impegnano a piantare alberi in modo integrato con colture e bestiame (agroforestazione), il che porta molteplici benefici socio-ecologici come produttività alimentare, mezzi di sussistenza e benessere.

Il rapporto illustra come i paesi, così come le aziende che cercano di mantenere gli impegni a zero emissioni di carbonio, potrebbero riorientare i loro piani climatici verso questi obiettivi:

-Protezione e il ripristino delle foreste

-Salvaguardare i diritti delle popolazioni indigene

-Trasformare i sistemi di produzione alimentare e agricola insostenibili

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto