Home » Green Economy » Raccolta differenziata

Raccolta_Differenziata_2

Raccolta differenziata

Maggio 12, 2022 | -

La raccolta differenziata in Italia è divenuta obbligatoria dal 2015, con l’entrata in vigore del decreto legislativo n. 205/2010 ma non viene organizzata allo stesso modo in tutte le regioni, anche se si possono individuare delle regole comuni sul corretto smaltimento dei materiali. Come per esempio il caso dei cartoni della pizza, che se sporchi non vanno nella carta ma nel secco, così come gli scontrini dei negozi..

La gestione dei rifiuti cambia molto da città a città, a seconda del numero di abitanti, dell’estensione del suo territorio, della presenza di discariche, inceneritori e centri di smaltimento, spesso cambiano il colore dei contenitori utilizzati o dei sacchi per la raccolta ma sicuramente non cambia la tipologia dei sacchi.

Purtroppo oggi arrivano cattive notizie a riguardo della qualità della raccolta in modo particolare di rifiuti organici che pare stia “peggiorando”: ancora oggi, nonostante il divieto il 30% dei sacchetti utilizzati per raccogliere l’organico è in plastica.

Lo ha affermato il direttore generale del Consorzio italiano Compostatori (Cic), Massimo Centemero, in un’audizione alla commissione parlamentare Ecomafie sul tema dei traffici illeciti delle buste di plastica.

Centemero ha spiegato che “non sono più shopper o sacchetti per ortofrutta ma stanno diventando altri tipi di plastica come i rotolini che si prendono al supermercato.Si tratta di sacchetti in plastica tradizionale impiegati per la raccolta dei rifiuti indifferenziati”.

Il Cic ha quindi sollecitato quindi “politiche attive per definire e monitorare la qualità delle raccolte differenziate di rifiuto organico” e suggerito di “incentivare campagne comunicative sulla raccolta differenziata del rifiuto organico”. 

Ogni punto di peggioramento della qualità dell’umido comporta costi aggiuntivi di 50 milioni di euro e i corpi estranei nell’umido sono saliti a oltre il 6%, in peggioramento dal 4,8% circa del 2014-2018.

E’ necessario ricordare che l’utilizzo di sacchetti di plastica e il conferimento di questi nella raccolta dell’umido costituisce una impurità nel processo di compostaggio, perchè i sacchetti di plastica impiegano decine di anni a sfaldarsi nell’ambiente, mentre l’umido e il sacchetto biodegradabile in 90 giorni viene trasformato in fertilizzante.

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto