Home » Green Economy » Quanto costa in realtà il tuo guardaroba?

curly caucasian woman choosing 100 percent organic cotton wear in modern eco-friendly showroom, alone. she is smiling while looking at rack of clothes

Quanto costa in realtà il tuo guardaroba?

Settembre 26, 2022 |

Tra gli hashtag in tendenza in questo periodo troviamo #100wears che è un invito ad essere sostenibili nelle scelte d’acquisto, preferendo l’acquisto di capi e accessori che indosseremo almeno 100 volte.

Per poter capire quanto sia stata economicamente sostenibile la scelta di un capo, è stato sviluppato dagli esperti di moda e sostenibilità l’indice CPW (Cost per Wear) che ci permette di calcolare la “sfruttabilità” del nostro acquisto.

L’indice si calcola dividendo il costo di acquisto del prodotto per il numero di volte che lo avete indossato.

Provate a pensare al vostro paio di scarpe preferito. Mettiamo il caso lo abbiamo comprato tre anni fa e abbiate speso 180 euro, portandolo almeno cinquanta volte in anno.

In totale finora lo avrete usato 150 volte, significa che dividendo 180 per 150 volte in cui lo avete utilizzato, avrà un CPW di € 1,2 euro: anche se la spesa di acquisto è stata mediamente importante, l’avrete ammortizzata e probabilmente quelle stesse scarpe potrete portarle ancora a lungo.

Nel vostro armadio potrebbe esserci anche una camicetta, comprata a € 29,90 in un negozio low cost, che magari avrete indossato due volte con un CPW di € 14,95, molto più sostenuto di quello delle scarpe.

Quali sono i criteri da valutare quando scegliete un capo su cui investire?

  • Imparare a riconoscere i materiali con cui è fatto: le fibre naturali sono più costose di quelle sintetiche ma hanno una durata e un confort migliore.
  • Valutarne la fattura: capi realizzati con più cura saranno più belli da indossare e resteranno di più nel tempo.
  • Scegliere produzioni artigianali o un brand che sappiamo essere attenti dal punto di vista della qualità e dell’eticità dei materiali e nel trattamento dei loro lavoratori: scelta etica e sostenibile.

In Europa, con la tendenza al Fast Fashion che si è sviluppata negli ultimi venti anni, acquistiamo in media ogni anno quasi 26 chili di prodotti tessili pro capite, ma ogni prodotto lo indossiamo per circa il 50 per cento in meno rispetto al passato. 

In sintesi ciò che succede è che compriamo di più e indossiamo di meno, oltretutto a livello mondiale, gli abiti vengono riciclati per meno dell’1 per cento, ecco perchè al prossimo acquisto è meglio valutare con attenzione quale scelta compiere.

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto