Home » Green Economy » Come produrre un ottimo compost in casa

Articolo_Compost1

Come produrre un ottimo compost in casa

Febbraio 22, 2022 |

Una grande parte dei nostri rifiuti è composta dalla cosiddetta “frazione umida”, ottima base di partenza per poter produrre in autonomia un ricco compost Fai-da-te.

Una volta acquistata una compostiera o chiesta all’azienda che raccoglie i rifiuti nel proprio comune, il primo passo è scegliere una giusta collocazione per favorire il processo di compostaggio.

La struttura andrebbe sistemata idealmente sotto un albero che garantisca ombra d’estate e sole d’inverno per poter preservare il materiale che dovrà gestire il terriccio per molti mesi.

Che tipo di rifiuti alimentari possiamo inserire nel compost? Scarti di frutta e verdura cruda o cotta, i gusci delle uova, i formaggi, gli insaccati, il pane, i fondi di caffè, i filtri di tè, ma anche le piante da vaso, l’erba tagliata, la cenere, i rami e i trucioli di legno, i tovaglioli e i fazzoletti di carta. 

Scarti da inserire con moderazione, poiché possono provocare odori e attirare animali: resti di pesce e carne, e sempre in piccola quantità, perché lenti a degradarsi, bucce di agrumi e fogliame di alcuni alberi come quercia e pioppo. 

Cosa non va inserito? Noccioli, ossa e gusci di noce perché hanno tempi lunghi di deperimento, carta stampata o plastificata, tetrapack, tessuti tinti e tutto quello che non è biodegradabile.

Come inserire nella compostiera i rifiuti? E’ sempre meglio che siano divisi in piccoli pezzi o sminuzzati ed è necessario mantenere un equilibrio tra la quantità di quelli umidi e di quelli secchi. 

Se il compost dovesse risultare troppo secco è necessario idratarlo, non bagnarlo perchè non deve esserci acqua stagnate sul fondo. Se al contrario dovesse essere troppo umido, sarà meglio aggiungere elementi secchi. 

È consigliabile, periodicamente, rivoltare e rimescolare il compost per ossigenarlo. 

Il compost sarà pronto per essere utilizzato dopo circa 4-6 mesi (la durata di un ciclo di compostaggio) quando avrà l’aspetto di un terriccio uniforme dal colore scuro e dalla consistenza soffice.

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto