Home » Green Economy » Come possiamo limitare l’impatto ambientale dei vestiti che non mettiamo più?

Moda

Come possiamo limitare l’impatto ambientale dei vestiti che non mettiamo più?

Aprile 26, 2022 | -

Negli ultimi anni gli acquisti di capi sono aumentati in modo esponenziale e ogni anno i rifiuti pro-capite continuano a crescere: è stato stimato che solamente in Europa si producano circa 26 chilogrammi di tessuti a persona ogni anno e nello stesso periodo ne vengano gettati via 11 kg. 

Rispetto a venti anni fa si acquistano molto più capi, che vengono indossati per un tempo più breve: la cosiddetta fast fashion. Per contrastare questa tendenza sono state messe in atto diverse misure, a partire dall’obbligo di raccolta della frazione tessile al lavoro, ma come posso intervenire i cittadini? 

AGGIUSTARE I CAPI

Se non siamo in grado di cambiare una cerniera o inserire una toppa, la prima cosa da fare sarà cercare una lavanderia, un sarto o una merceria, così con pochi euro avremo modo di ridare una seconda possibilità a una giacca o a un paio di pantaloni.

Se il capo è fuori moda o di misure che non ci vanno più bene si può pensare di farlo semplicemente riadattare: sono sempre più diffusi laboratori sartoriali che intervengono (o danno lezioni) su come poter allungare un vestito, stringerlo in vita, rimodernare un capo. 

Se invece la maglietta è stretta sii potrebbero inserire degli inserti per aumentarla di una taglia. Dal jeans rovinato si potranno invece creare toppe con le parti ancora buone.

LA CULTURA DELL’UTILIZZO

Il grande salto di qualità nelle abitudini deve però arrivare attraverso il passaggio dalla cultura del possesso esclusivo a quella dell’utilizzo. Un’ottima abitudine è acquistare abiti usati, spesso nei negozi specializzati possiamo per fare veri affari. 

In alcuni negozi di abbigliamento usato ci sono corner dedicati ai vestiti firmati, alcuni conservano addirittura i cartellini originali, altri sono specializzati nel vintage e ti consentono di trovare una giacca anni ‘60 con i bottoni ancora originali, una camicia anni ‘70 oppure un particolare kimono degli anni ‘80.

Anche quando decidiamo di acquistare un capo nuovo ci sono alcune indicazioni da osservare per agire attivamente nel rispetto dei principi dell’economia circolare, come scegliere linee prodotte con fibre naturali, magari provenienti da scarti di lavorazione o da piante che non sottraggono terreni o risorse agli scopi agricoli.

Da dove vengono prodotte le fibre più di tendenza nel mondo del riciclo? Vi segnaliamo dagli scarti della produzione di banana si può realizzare una fibra resistente e assorbente, o  un’eccellenza italiana, che partendo dagli scarti delle bucce degli agrumi, ottenuti dalla produzione dei succhi, genera una cellulosa idonea a realizzare tessuti di origine vegetale.

SCAMBI E DONAZIONI

Acquistare vintage o fare attenzione alla sostenibilità del capo comprato non basta se poi voi stessi siete degli accumulatori: per essere parte del cambiamento pensate all’ultima volta che avete indossato quel capo o accessorio. 

Se sono passati due o tre anni forse è il caso di rimetterli in circolo: regalateli o scambiateli con gli amici, pubblicate annunci nei gruppi tipo “te lo regalo se vieni a prenderlo”, vendeteli nei negozi second hand o attraverso le tantissime app esistenti. Ciò che a voi non serve potrebbe essere utile a qualcun altro che così non dovrà acquistare qualcosa di nuovo grazie alla vostra ricondivisione.

Un’alternativa validissima è poi donare ciò che è ancora in buono stato ma non ci serve più, a chi invece potrà farne buon uso, anche per beneficenza.

COME SMALTIRE I VECCHI ABITI?    

In Italia dal primo gennaio 2022 è obbligatoria la raccolta differenziata del tessile, attraverso i cassonetti stradali (solitamente gialli) o presso le isole ecologiche, dove si può conferire di tutto purché pulito: le tende, le federe, i vestiti, l’intimo, persino scarpe e borse.

Non vanno inseriti tessuti sporchi (come uno straccio con macchie di grasso che dovrà essere buttato nell’indifferenziata) o maleodoranti perché potrebbero rendere inservibile gli altri capi, per ridurre il rischio di contaminazioni è opportuno conferire gli abiti all’interno di sacchetti chiusi.

Una volta recuperati dai contenitori, si provvederà a riutilizzare o riciclare più capi possibili, in ottica di economia circolare e riduzione dell’impatto ambientale. Quel che non tutti sanno infatti è che spesso un buon tessuto, anche se strappato, potrà tornare a nuova vita sotto forma di indumenti o accessori diversi. Mentre parte degli scarti potranno diventare pezzame industriale o divenire materiali fonoassorbenti o imbottiture.

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto