Home » Economia circolare » SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi – Il Terzo Segmento della Rete di Teleriscaldamento di SESA Spa

SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi

Giugno 30, 2023 |

All’interno del contesto dell’ottimizzazione dell’utilizzo delle risorse a disposizione, SESA Spa di Este, in aggiunta alla generazione di energia elettrica, impiega anche l’energia termica generata dal sistema di raffreddamento dei gruppi di cogenerazione per alimentare la rete di teleriscaldamento nelle zone urbane di Este e Ospedaletto Euganeo. Questa operazione costituisce un recupero energetico estremamente significativo, garantendo un elevato livello di efficienza energetica dell’intero sistema. Si tratta di un’alternativa ecologica, sicura ed economica per la produzione di acqua sanitaria e per il riscaldamento degli edifici residenziali, commerciali e pubblici.

Il teleriscaldamento è una tecnologia con diverse potenzialità che contribuiscono a migliorare l’efficienza energetica, ridurre le emissioni di gas serra e promuovere un uso sostenibile delle risorse energetiche. Il teleriscaldamento permette di utilizzare l’energia termica residua proveniente da processi industriali o da impianti di cogenerazione, che altrimenti sarebbe dispersa nell’ambiente. Inoltre i sistemi di teleriscaldamento possono sfruttare economie di scala, riducendo i costi energetici per le comunità che ne beneficiano. Questo può portare a tariffe più convenienti per gli utenti finali. Questo sistema di scambio di calore tramite l’acqua calda può essere utilizzato per riscaldare edifici residenziali, commerciali e pubblici, nonché per la produzione di acqua calda sanitaria. Questa versatilità lo rende adatto a una vasta gamma di applicazioni.

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile

Numeri significativi quelli comunicati dall’azienda di smaltimento rifiuti di Este

La rete di teleriscaldamento attuale gestita da SESA Spa parte dal polo impiantistico dell’azienda stessa, ed è stata implementata in due fasi ben distinte: il primo segmento di circa 6,5 chilometri (di cui 4 nel comune di Este e 2,5 nel comune di Ospedaletto Euganeo) è stato completato tra il 2007 e il 2008, mentre il secondo tratto, lungo 13 chilometri, è stato realizzato nel 2015.

Ad oggi sono più di 80 utenze private e circa 50 utenze commerciali o pubbliche ad essere allacciate alla rete del teleriscaldamento nel territorio comunale di Este e di Ospedaletto Euganeo per un consumo totale di più di 20.000 kWh. Va notato che il 99% dell’elettricità che attraversa una resistenza elettrica viene trasformata in calore; quindi, 1 kWh elettrico produce 1 kWh termico. Questo significa che i 20.000 kWh erogati dal sistema di teleriscaldamento contribuiscono a prevenire l’emissione di circa 10 tonnellate di CO2 in atmosfera ogni anno.

Il Terzo Segmento della Rete di Teleriscaldamento di SESA Spa

L’obiettivo della società è di estendere la rete di teleriscaldamento fino al Municipio e alla scuola secondaria di primo grado Giosuè Carducci, e, se possibile, fino alla parrocchia delle Grazie. Questo progetto è stato inserito nel piano industriale pluriennale di S.E.S.A. Spa, e la sua realizzazione è prevista per il 2024. Nel corso del 2023, l’azienda estense sta progettando questa estensione, con lo studio di tutte le soluzioni praticabili per estendere la rete, attualmente interrotta in viale Fiume, sino a raggiungere via San Martino, con la conseguente connessione alla scuola Carducci e al Municipio atestino.

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi – Il Terzo Segmento della Rete di Teleriscaldamento di SESA Spa
Fonte: Shutterstock di Dmytro

Attualmente le utenze pubbliche servite dal sistema di teleriscaldamento includono il chiostro Santa Maria delle Consolazioni dell’Ulss 6, le scuole primarie Santa Maria del Pilastro e dell’infanzia Pilastro, la primaria Unità d’Italia, il centro per l’impiego, la Direzione interregionale vigili del fuoco, il Consorzio di bonifica Adige Euganeo, il collegio Manfredini, la casa di riposo Fondazione Irea Morini Pedrina e il patronato SS. Redentore.

SESA Spa di Este: il funzionamento della rete di teleriscaldamento

SESA Spa sfrutta l’energia termica generata dal circuito di raffreddamento dei gruppi di cogenerazione per alimentare la rete di teleriscaldamento. I gruppi di cogenerazione cedono calore all’acqua tramite scambiatori di calore, portando l’acqua a una temperatura di 85°C. L’acqua calda viene quindi convogliata attraverso una rete di tubazioni a circuito chiuso fino a raggiungere gli edifici collegati al sistema di teleriscaldamento. Una volta giunta a destinazione, l’acqua trasferisce il calore all’impianto dell’edificio, il quale può utilizzarlo per il riscaldamento degli ambienti e per il riscaldamento dell’acqua domestica. Ciascuna utenza è dotata di una sottostazione di scambio termico che permette di bypassare l’utilizzo delle tradizionali caldaie, comportando vantaggi per l’ambiente. Alla fine del processo, l’acqua, ormai raffreddata e privata del suo calore, ritorna alla centrale a una temperatura di 65°C, pronta per essere riscaldata nuovamente e redistribuita.

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi – Il Terzo Segmento della Rete di Teleriscaldamento di SESA Spa
Fonte: Shutterstock di Francesco Scatena

Il circuito in questione contiene 6.000 metri cubi di acqua e le doppie tubazioni in acciaio sono state isolante con schiuma di poliuretano e rivestite con guaina esterna di polietilene. Ogni tubazione è dotata di un sistema di allarme per segnalare eventuali perdite o infiltrazioni d’acqua. Questo sistema garantisce l’efficienza e la sicurezza dell’intera operazione di teleriscaldamento.

Utilizzo della rete di teleriscaldamento come fonte sostenibile di calore

In Italia, il teleriscaldamento è utilizzato in molte città, sia nel settore pubblico sia in quello privato. Alcune delle città italiane più importanti che adottano questa tecnologia includono Milano, Torino, Bologna, Firenze e Roma. Tuttavia, il suo utilizzo sta gradualmente crescendo in altre località, specialmente nelle zone in cui esistono impianti di cogenerazione o risorse termiche rinnovabili disponibili.

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este e la rete di teleriscaldamento: valorizzare i rifiuti trasformandoli in energia termica aiutando così i paesi limitrofi – Il Terzo Segmento della Rete di Teleriscaldamento di SESA Spa
Fonte: Shutterstock di Another77

Per integrare il teleriscaldamento nelle case e negli edifici, è necessario che gli edifici stessi siano dotati di impianti di riscaldamento centralizzato o di sottostazioni di scambio termico. Questi sistemi consentono di distribuire il calore proveniente dalla rete di teleriscaldamento agli ambienti interni e all’acqua calda sanitaria.

Gran parte delle industrie che generano calore come sottoprodotto delle loro attività o che utilizzano impianti di cogenerazione possono contribuire al teleriscaldamento, fornendo calore alle aree circostanti. L’integrazione del teleriscaldamento nelle case richiede la collaborazione tra diverse parti interessate, tra cui enti pubblici, aziende energetiche e proprietari di edifici. È un processo che può contribuire significativamente alla transizione verso un sistema energetico più sostenibile e all’ottimizzazione dell’uso delle risorse energetiche.

Fonte: www.sesaeste.it

Immagine di copertina: Shutterstock di shinshila

Economia circolare

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto