Home » Economia circolare » L’agricoltura idroponica è una risorsa preziosa per l’ambiente e per l’economia

Impatto zero – news – blog ecosostenibile – Angelo Mandato – SESA Este – agricoltura idroponica

L’agricoltura idroponica è una risorsa preziosa per l’ambiente e per l’economia

Novembre 17, 2022 | -

L’Ing. Angelo Mandato ha parlato dell’esperimento sulla coltivazione idroponica in serra che ha intrapreso con SESA Este per promuovere un’agricoltura sostenibile all’interno di un’economia circolare.

L’agricoltura idroponica (dal greco hýdor, acqua, e pónos, lavoro) è un processo che risale all’antichità e che non prevede l’utilizzo del suolo per coltivare piante. Nell’idroponica l’acqua svolge un ruolo fondamentale poiché trasferisce alle piante, alla frutta e alla verdura, tutte le sostanze nutritive necessarie alla loro crescita. In alcuni casi il passaggio degli elementi dall’acqua alla pianta si avvale dell’ausilio di un substrato che permette l’espansione dell’apparato radicale della pianta. Tuttavia, molte varietà di piante non necessitano del ricorso a un substrato, o medium di coltivazione, e quest’ultima avviene direttamente nella soluzione nutritiva.

Che preveda oppure no l’utilizzo di un substrato, l’agricoltura idroponica permette di gestire le risorse (acqua e sostanze nutritive) in modo altamente efficiente. Le caratteristiche di elevata produttività e sostenibilità della coltivazione idroponica la rendono un’ottima soluzione sia su larga scala sia per usi casalinghi. Già da alcuni anni, infatti, sono in commercio i cosiddetti «giardini intelligenti», ovvero piccole serre idroponiche che dispongono di sistemi di irrigazione e illuminazione automatici. Per esempio, le migliori serre idroponiche domestiche contemplano due tipi di LED, con luce rossa e con luce blu, per ottimizzare il processo di fotosintesi. Questi giardini idroponici si prestano quindi alla coltivazione in casa di erbe aromatiche e insalate, ma anche fiori o frutti, a prescindere dal periodo dell’anno.

Impatto zero – news – blog ecosostenibile – Angelo Mandato – SESA Este – agricoltura idroponica

L’Ing. Angelo Mandato racconta l’esperimento idroponico nelle serre di SESA Este

L’agricoltura idroponica è entrata nelle serre di SESA Este grazie all’installazione di un sistema semplificato di coltivazione idroponica fuori suolo che si chiama Agritube. Questo consiste in una serie di moduli costituiti da tubazioni rigide e tubi flessibili che sono tutti collegati a una cisterna da 400 litri. L’Ing. Angelo Mandato spiega così il funzionamento di Agritube: «Ogni modulo può coltivare circa 120/240 piante in un’area di 8/15 mq. Il flusso che trasporta la soluzione nutritiva non richiede pressione ed è garantito attraverso il movimento dell’acqua in caduta. Così si limita l’utilizzo orario della pompa che comunque può essere alimentata da energia elettrica solare. Nel nostro caso l’energia elettrica proviene invece dalla valorizzazione dei rifiuti organici recuperati nell’impianto». Con questo particolare progetto SESA Este ha quindi voluto promuovere la sostenibilità economica del sistema agricolo testando il funzionamento di alcuni processi circolari.

Continua l’Ing. Angelo Mandato: «I cicli di riempimento e svuotamento garantiscono la corretta ossigenazione dell’apparato radicale. Conferiscono alla pianta sia l’omogeneità dell’irrigazione che la regolazione del livello dell’acqua all’interno del tubo di coltura. Nell’Agritube si possono coltivare diverse tipologie di ortaggi, prevalentemente quelli a foglia come lattuga, radicchio ma anche pomodori o fragole». Con le piante di lattuga SESA Este ha effettuato un test che prevedeva la sostituzione del concime chimico con il compost ammendante di sua produzione. Gli addetti hanno sciolto l’ammendante nell’acqua della cisterna e il compost ha svolto in maniera egregia il ruolo di fertilizzante per la lattuga. Infatti, i risultati di questo esperimento sono stati molto positivi sia per quanto riguarda la salute delle piante sia in termini di produzione.

SESA Este punta alla sensibilizzazione delle nuove generazioni

L’introduzione dell’agricoltura idroponica nelle serre di SESA Este rappresenta dunque un ulteriore e importante tassello nella promozione e valorizzazione dell’economia green e circolare. Inoltre, i moduli di idroponica si prestano molto bene anche come laboratorio pratico per il coinvolgimento delle scuole che si recano in visita presso l’impianto. Questo aspetto è particolarmente rilevante in un’ottica di sensibilizzazione delle nuove generazioni alle tematiche fondamentali della transizione ecologica e della progettazione ecosostenibile.

Leggi anche

Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino – Genitori green: risparmiare con un bambino e vivere in modo sostenibile

Genitori green: risparmiare e vivere a impatto zero con un bambino

Anche voi potete essere genitori green: scoprite come risparmiare migliaia di euro nel primo anno di vita del vostro bambino e ridurre così l'impatto ambientale!
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

SESA Spa di Este aderisce al progetto “Mestieri e futuro” promosso da Confindustria e Settore Education AICQ

L’integrazione tra istruzione e industria ha assunto un ruolo cruciale nell’orientamento professionale degli studenti, e SESA Spa di Este ha aderito al progetto “Mestieri e futuro, la scuola e le realtà produttive del territorio”..
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima – Foto del terzo volo della Starship di SpaceX: una visione epocale nello spazio

Il terzo volo di prova della Starship di SpaceX: un momento epocale nell’esplorazione spaziale con foto mai viste prima

Le foto del terzo volo di Starship di SpaceX, che rappresenta una pietra miliare nell’esplorazione spaziale, aprono una finestra senza precedenti su quello che ci aspetta nel prossimo futuro.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino – Vantaggi e requisiti delle caldaie a gas secondo la direttiva Case Green: investimento per il futuro

EPBD: la Direttiva sulle Case Green sul tema delle caldaie a gas e il loro destino

Dopo essere stata definitivamente approvata in seduta plenaria il 12 marzo 2024, la Direttiva Europea conosciuta come "Case Green" o EPBD (Energy Performance of Buildings Directive), ha suscitato grande interesse sul tema delle caldaie a gas.
Leggi di più
Impatto Zero – Green economy – Blog Ecosostenibile – Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno – Il futuro dell’automobile: una visione integrata fra elettrico e idrogeno

Il futuro dell’automobile: elettrico vs idrogeno

Nel contesto del futuro dell’automobile, due tecnologie stanno emergendo come protagoniste principali: le macchine elettriche e quelle a idrogeno.
Leggi di più
Torna in alto